Space Invaders, cos’è e come si gioca

Space Invaders è un videogioco arcade sviluppato nel 1978 da Toshihiro Nishikado.

In origine è stato prodotto dalla Taito, per poi essere ceduto in licenza per la produzione negli Stati Uniti, alla divisione Midway Games della Bally Technologies. Sebbene per gli standard attuali possa essere considerato estremamente semplice, questo è stato uno dei videogame più influenti della sua generazione.

Space Invaders in pochi anni infatti, ha generato un fatturato di 500 milioni di dollari e la sua pubblicazione ha segnato di fatto l’inizio di un periodo di grande fortuna per i videogiochi, definito successivamente come l’età dell’oro dei videogame arcade.

Modalità di gioco

La modalità di gioco è molto semplice: il giocatore controlla un cannone mobile che si muove orizzontalmente in basso allo schermo, e deve abbattere uno ad uno gli alieni si avvicinano alla Terra. Le tappe di avvicinamento degli nemici seguono uno schema univoco, un’ampio e ordinato zig-zag che li porta lentamente a raggiungere il fondo dello schermo segnando l’avvenuta invasione e il termine della partita.

Il giocatore difende la Terra affrontando con il proprio cannone orde di alieni che si susseguono incessantemente e in modo sempre più invadente. Nella zona alta dello schermo scorrono, di tanto in tanto, alcune “Navi del Mistero”, ovvero navicelle bonus che, se abbattute, danno al giocatore la possibilità di incrementare il suo punteggio molto più rapidamente. La partita termina quando gli alieni raggiungono il fondo dello schermo o quando il cannone viene distrutto.

Il cannone può essere abbattuto dal fuoco nemico, da bombe o da raggi mortali che vengono lanciati periodicamente dai nemici verso il cannone. Il cannone è protetto parzialmente da alcuni bunker difensivi immobili che vengono gradualmente distrutti dai proiettili degli alieni o dai colpi sparati dal giocatore stesso. Il giocatore dispone di tre cannoni mobili, dopo la distruzione dei quali la partita finisce.

Il giocatore dispone di un numero illimitato di proiettili ma può sparare solo un colpo alla volta. Man mano che i nemici vengono eliminati, quelli rimanenti si muovono più velocemente. La traccia sonora – composta solo da una serie di toni – segue il ritmo sempre in crescendo del gioco.

Di seguito sono state proposte numerose versioni del gioco, con schemi e scenari differenti, ma sono sempre rimaste intatte, le regole principali.

Serie

A seguire, un elenco parziale dei seguiti ufficiali del gioco, arcade dove non specificato.

  • Space Invaders (1978)
  • Space Invaders Part II o Space Invaders Deluxe (1979)
  • Return of the Invaders (1985)
  • Majestic Twelve – The Space Invaders Part IV (1990)
  • Space Invaders DX (1994)
  • Akkanvader (1995)
  • Space Invaders Virtual Collection (1995, Nintendo Virtual Boy)
  • Space Raiders o Space Invaders: Invasion Day (2002, GameCube, PlayStation 2)
  • Space Invaders Anniversary (2003)
  • Space Invaders: Galaxy Beat (2005, Sony PSP)
  • Space Invaders DS (2005, Nintendo DS)
  • Space Invaders Extreme (2008, Nintendo DS, Sony PSP)
  • Space Invaders Extreme 2 (2009, Nintendo DS)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su