Caribbean Stud Poker, cos’è e come si gioca

Il Caribbean Stud Poker -conosciuto anche come Poker caraibico– è una variante del Poker ed è una tra le più giocate al mondo essendo presente in tutti i casinò dotati di tavoli all’americana. Oggigiorno grazie alla diffusione delle sale da gioco virtuali, gli appassionati del gioco hanno la possibilità di giocarlo anche online.

La particolarità di questa variante consiste nel fatto che i giocatori giocano contro il banco e non l’uno contro l’altro. Un’altra peculiarità di questo gioco è la possibilità di vincere il Jackpot, un montepremi progressivo che cresce in base alle puntate dei partecipanti e che viene assegnato a coloro che realizzano combinazioni più alte.

Regole

Il Caribbean Stud Poker si gioca con un mazzo di carte francese da 52 carte. La partita ha inizio quando il dealer autorizza i giocatori a fare la puntata iniziale, chiamata Ante. Il giocatore che desidera partecipare al Jackpot, deve versare una puntata supplementare nell’apposito spazio presente sul tavolo (generalmente nei casinò europei questa puntata corrisponde ad 1 Euro).

Una volta finite le puntate, il mazziere distribuisce in senso orario cinque carte coperte a ciascun giocatore e cinque carte, l’ultima delle quali scoperta, a se stesso. A questo punto il dealer dà il permesso di raccogliere le carte ricevute dai partecipanti, i quali devono decidere se andare avanti o lasciare il gioco, sulla base delle combinazioni da loro possedute e considerando il fatto che non è possibile scartare né ricevere ulteriori carte.

Il giocatore che decide di proseguire, deve posare le proprie carte coperte nello spazio riservato alla puntata successiva ed effettua un rilancio, chiamato BET e che corrisponde al doppio rispetto alla propria puntata iniziale.

I giocatori che decidono invece di abbandonare la partita, devono posare le carte -sempre coperte- accanto alla propria puntata iniziale, che viene persa e ritirata dal tavolo. Una volta presa da tutti i giocatori una decisione, il croupier scopre le quattro carte rimanenti del banco.

No hand

Se il banco non dovesse essere in possesso di una high hand, ovvero una mano con almeno Asso e Re o una combinazione migliore, il mazziere annuncia no hand (niente in mano). In questo caso, i giocatori che hanno effettuato il rilancio vengono ripagati di un ammontare pari a una volta la loro puntata iniziale. In questa fase della partita, viene richiesto al croupier di controllare le carte dei partecipanti per una possibile mano di Jackpot, il quale viene pagato per intero anche con una dichiarazione di no hand.

Showdown

Se il banco ha una high hand oppure una combinazione migliore, questa viene confrontata con la mano di tutti i giocatori. Questa fase del gioco del poker -durante la quale il solo autorizzato a toccare le carte è il mazziere- è detta showdown, e durante questa fase si possono verificare tre differenti situazioni:

  • La mano del banco è migliore di quella del giocatore: In questo caso il giocatore perde la puntata iniziale ed il rilancio;
  • Il banco realizza lo stesso punteggio del giocatore: situazione chiamata di stand off, in cui le puntate del giocatore vengono mantenute;
  • La mano del giocatore è migliore rispetto a quella del banco: il giocatore viene pagato con una vincita pari ad una volta la propria puntata base, più la proporzione fra il valore della mano realizzata ed il proprio rilancio.

Tabella dei pagamenti

Qui di seguito la proporzione dei pagamenti in base alla combinazione realizzata:

  • Scala Reale 100 a 1
  • Scala Colore 50 a 1
  • Poker 20 a 1
  • Full 7 a 1
  • Colore 5 a 1
  • Scala 4 a 1
  • Tris 3 a 1
  • Doppia Coppia 2 a 1
  • Coppia o minore 1 a 1

Jackpot

Conosciuto anche come montepremi progressivo, la sua caratteristica è quella di essere perennemente in crescita. Le puntate relative al Jackpot sono dette side-bets (scommesse separate), nome che ricorda il fatto che il corso normale del gioco, non influenza le possibilità di vincerlo. Per tentare di aggiudicarselo infatti, il giocatore deve inserire una volta effettuata la propria Ante, la cifra richiesta nell’apposito spazio sul tavolo.

A questo punto, dopo che il croupier dichiara chiuse le puntate, il tavolo “inghiotte” le fiche e l’attivarsi di speciali luci rosse indica quali giocatori hanno effettuato la puntata e su un display è possibile visualizzare l’ammontare del Jackpot che aumenta. Solitamente tutti i tavoli di Caribbean Stud Poker di una stessa sala da gioco sono collegati allo stesso Jackpot, il quale continua a crescere finché uno dei partecipanti non se lo aggiudica.

Le vincite assegnate vengono sottratte dal montepremi progressivo e se un giocatore realizza una Scala Reale, il Jackpot viene azzerato e fatto ripartire da una cifra base. Il Jackpot viene pagato anche nel caso il banco annunci no hand ed in alcuni Casinò sono presenti contatori progressivi per ogni combinazione vincente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su