Sette e mezzo: cos’è e come si gioca

Il gioco di carte sette e mezzo è un grande classico italiano del periodo natalizio, classificato fra i giochi d’azzardo. Conoscere bene il regolamento è molto importante perché a differenza della tombola, il gioco del sette e mezzo è un gioco dinamico e richiede una rapida abilità di calcolo.

Lo scopo principale del gioco sette e mezzo è riuscire a totalizzare 7 e 1/2 o, comunque, avvicinarsi il più possibile a questa cifra superando quello del banco. Attenzione però: è importante non sballare, ossia non superare il 7 e 1/2 stesso. In tal caso si perde in automatico.

Il banco invece deve cercare di raggiungere o almeno superare, lo stesso punteggio di ciascun giocatore presente nella partita, senza superarlo.

Sette e mezzo: come si gioca

Il gioco del sette e mezzo ha delle regole ben precise: vediamole assieme.

La scelta del Mazziere

Prima di tutto si esegue il sorteggio per stabilire il Mazziere, che dovrà dare le carte nella prima mano. All’inizio della partita, il mazziere distribuisce una carta a tutti i giocatori, che dovranno riporla coperta sul tavolo.

Si inizia quindi a giocare dal giocatore seduto alla destra del Mazziere (o Banco), per poi procedere in senso antiorario.

La puntata

Ogni giocatore, al proprio turno dovrà guardere la propria carta, e fare la puntata ponendo l’importo che intende giocare di fronte a sé sul tavolo.

Come fare il punto

Una volta guardata la propria carta, il giocatore di turno può decidere se chiamare un’altra carta, puntando di nuovo, per raggiungere il punteggio necessario, o se “stare”. In caso di chiamata, il Mazziere scoprirà un’altra carta (che sarà visibile a tutti i giocatori) che il giocatore sommerà alla propria carta cercando di avvicinarsi quanto più possibile al Sette e mezzo, senza superare però, tale valore.

Cosa fare se si sballa o si fa sette e mezzo

Sia nel caso in cui si superi il valore del sette e mezzo, o si raggiunga il punteggio del sette e mezzo, il giocatore dovrà dichiararlo immediatamente, scoprendo la prima carta coperta.

Come finisce il giro il pagamento delle puntate

Una volta finito il giro e una volta che tutti i partecipanti hanno eseguito la propria giocata è il turno del Mazziere, che scoprirà la propria carta e deciderà se stare o prenderne altre. Se il mazziere sballa, si trova a pagare tutte le puntate dei giocatori che sono ancora in partita, che non hanno sballato. Se il mazziere decide di stare, si scoprono le carte di tutti i giocatori e si procede alla conta dei vincitori.

Il punteggio

Per quanto riguarda il punteggio invece, il valore delle carte è il seguente:

  • Le carte dall’asso fino al 7, valgono tanti punti quanto il loro valore numerico;
  • L’asso vale 1 punto, il 2 vale 2 punti, ecc;
  • Le figure valgono mezzo punto;
  • Il re di denari o di cuori ha la funzione di matta o jolly, ovvero può assumere il punteggio di una qualsiasi altra carta a scelta del giocatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su