Gioca dell’oca, cos’è e come si gioca

Il gioco dell’oca è un gioco da tavolo tradizionale. Si tratta di un gioco di percorso, molto semplice particolarmente adatto ai bambini, non richiede particolari doti, solo la sorte determina il vincitore.

Gioco dell’oca, come si gioca

Il Gioco dell’oca, si gioca su una base su cui è disegnato un percorso a spirale, composto da varie caselle che possono arrivare fino a 90, su cui si evidenziano numeri o altri simboli. Tutti i giocatori scelgono una pedina che li rappresenti e la collocano nella casella di partenza e, a turno, avanzano lungo il percorso contando le caselle in base alla somma dei numeri sui due dadi lanciati.

Raggiungere per primo la casella centrale della spirale è lo scopo del gioco, affrontando tutte quelle caselle speciali dove il disegno delle oche, da qui il nome del gioco, possono rallentare o accellerare il cammino. Nella versione tradizionale, le caselle che rappresentano oche consentono di spostarsi in avanti per un numero di caselle pari a quelle coperte nell’avanzare.

La casella d’arrivo deve essere raggiunta con un lancio di dadi esatto; altrimenti, giunti all’ultima casella si torna indietro contando il numero rimanente dato dai dadi.

Storia del gioco

Il gioco dell’oca, o  scale e serpenti, sono fra i più semplici giochi di percorso e, rappresentano in modo esemplare la categoria. L’idea di gioco così strutturato ha sicuramente origini antiche. Soprattutto la numerazione delle caselle presente in tutte le varianti tradizionali, e lo sviluppo di strutture numeriche potrebbero avere significati di tipo matematico.

Il gioco dell’oca nella forma moderna (con il percorso a spirale e le decorazioni tipiche) risale alla seconda metà del XVI secolo. Successivamente, all’inizio del XVII secolo in Inghilterra furono stampati i primi tabelloni, e rapidamente il gioco si divulgò in tutta Europa. La decorazione tradizionale fu riproposta con immagini diversi; per esempio, con soggetti di tipo politico (come la Rivoluzione francese) o letterario (episodi delle avventure di Don Chisciotte).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su